Arianna Trillini Presidente Cna Picena ; “ Va favorita la ripresa degli investimenti nel Centro Italia terremotato, territorio che va ripopolato e non isolato”

Per favorire la ripresa degli investimenti nelle aree colpite dagli eventi sismici che dal 2016 hanno flagellato Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, a inizio 2017 è stata introdotta la possibilità che le imprese attive nei comuni interessati dal sisma potessero usufruire di un credito d’imposta mirato a sostenere investimenti in macchinari, impianti e attrezzature, relativi alla creazione di un nuovo stabilimento o all’ampliamento di uno esistente. Uno strumento agevolativo importante, questo, con intensità d’aiuto particolarmente incisive, mutuate dal cosiddetto Credito d’imposta Investimenti Mezzogiorno, per sostenere efficacemente soggetti che, pur tra le numerose difficoltà che ancora insistono in quelle aree, decidessero di investire. La disciplina era stata inizialmente disposta sino al 31 dicembre 2020, ma con la legge di conversione del decreto “Sostegni bis”, pubblicata nel luglio scorso, ne è stata prevista la proroga al 31 dicembre 2021. A oggi, però, la misura non è attiva. Il modello predisposto dall’Agenzia delle entrate non consente l’inserimento delle richieste: ancore non è stata perfezionata, infatti, la notifica della misura alla Commissione europea. “ Stiamo vivendo – dichiara la Presidente Cna Ascoli Piceno Arianna Trillini – una fase storica dal punto di vista delle risorse, per ricostruzione sisma e bonus legati all’edilizia, che integrati con i fondi del Pnrr devono davvero salvaguardare territorio e sua conformazione, favorendo anche il ripopolamento e l’abbellimento di certi luoghi.” “ Per andare in questa direzione – aggiunge la Presidente – servono strumenti e misure che servono ora, ossia nella fase di ripartenza, questo è il momento dove molti stanno decidendo cosa fare e gli strumenti sono fondamentali.” “Come Cna -Dichiara il Direttore della Cna di Ascoli Piceno Francesco Balloni- vogliamo consentire alle imprese interessate di poter usufruire di questa importante agevolazione a supporto degli investimenti funzionali alla rigenerazione di capacità competitiva dei territori terremotati. “Importante – prosegue il Direttore- che il credito d’imposta venga prorogato a tutto il 2022 e nel contempo che si sblocchi al più presto anche il freno generato dalla mancata autorizzazione europea, consentendo così alle imprese di possedere un quadro di riferimento chiaro e sufficientemente duraturo.”

Questo sito utilizza cookie necessari per il corretto funzionamento, e cookie di marketing. Presumiamo tu sia d'accordo, ma puoi rifiutarne l'utilizzo. Privacy Policy

Info Cookie

In basso puoi selezionare quale tipologia di cookies accetti in questo sito. Clicca su "Salva" per applicare la tua scelta.

NecessariUtilizziamo cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per garantire il corretto funzionamento del sito e delle sue funzioni.

AnalisiUtilizziamo cookie di analisi per monitorare il funzionamento del nostro sito e migliorarne l'usabilità.

Social mediaUtilizziamo cookie dei social media per utilizzare contenuti terzi quali Youtube e Facebook. Questi cookie potrebbero tracciare i vostri dati.

PubblicitariUtilizziamo cookie di terze parti per offrire pubblicità mirata in base agli interessi. Questi cookie potrebbero tracciare i vostri dati.

AltriUtilizziamo cookie di terze parti per servizi che non rientrano nelle categorie Analisi, Social Media o Pubblicitari.