“L’IMPRESA VOLANTE”, DRONI PER AGRICOLTURA ED EDILIZIA

“L’IMPRESA VOLANTE”, DRONI PER AGRICOLTURA ED EDILIZIA

Quando si pensa a un drone molti pensano a una specie di giocattolino tecnologico da usare per passatempo. C’è invece chi ha colto le opportunità imprenditoriali di questo oggetto, che sta diventando sempre più di uso comune, e ha deciso di farne il fulcro di un business. Così è nata la Masfly, la ditta individuale di Luca Ricci Pacifici. Dopo diversi mesi dietro a carte e burocrazia, Masfly è stata pronta a spiccare il volo, nel vero senso della parola: Luca si è rivolto al prestito d’onore regionale, ottenendo un finanziamento per lo start up della sua attività d’impresa. Poi ha dovuto sbrigare tutte le formalità, partendo dall’attestato di competenze teoriche per Sapr (sistemi aeromobili a pilotaggio remoto), passando per la visita medica aeronautica, a una specifica assicurazione per arrivare al riconoscimento del drone da parte dell’Enac (Ente nazionale per l’aviazione civile). Già, perché per far volare un drone c’è bisogno di una specifica licenza, ulteriore fatto che conferma che non si tratta per niente di un gioco.
Per capire le vere potenzialità di questo oggetto e del business che gli ruota attorno, basta sfogliare la lista dei settori nei quali i droni sono sempre più richiesti: produzioni televisive, edilizia, agricoltura, operazioni di protezione civile e controllo del territorio. “L’idea è nata lo scorso anno – spiega Luca – quando hanno cominciato a girare i primi droni, non sono come aeromobili ma hanno degli scopi ben specifici. A quel punto ne ho progettato uno mio, che ha un’apertura alare di 185 centimetri, affidando la sua realizzazione a una società del settore. In realtà ancora in questa fase embrionale si pensa che questi oggetti volanti siano utilizzabili principalmente per le riprese televisive. Invece sono in grado di offrire anche servizi di grande utilità per l’edilizia e l’agricoltura, grazie al laser scanner, alla fotogrammetria e ai sensori multi spettrali che permettono di ricevere informazioni aggiuntive per i vari processi di coltivazione”.
L’obiettivo di Luca è di utilizzare le nuove tecnologie per offrire servizi all’avanguardia nei campi appena citati. Al momento il suo drone, oltre a foto e video in 4K (la massima risoluzione al momento disponibile), può contare anche sulla fotogrammetria con la quale è possibile creare modelli digitali del terreno, rendendo più veloci e precisi i rilievi, soprattutto nelle zone difficilmente raggiungibili.
(parte del testo pubblicato fa parte dello speciale de “Il Resto del Carlino” di Ascoli Piceno, dedicato alle “Idee artigiane in movimento”)

nuovopercopertinaricci

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo articolo.























CNA Ascoli Piceno
Viale Indipendenza, 42
63100 Ascoli Piceno

Tel: +39.0736.42176
Fax: +39.0736.44709
ascoli@cnapicena.it

P.Iva 80001450446  |  Dir. Resp. Antonio Tempera


Powered by
SIXTEMA Spa