DONNE CHE FANNO L’IMPRESA. NELLE MARCHE SONO OLTRE 39 MILA E UNA SU DIECI PARLA STRANIERO. E’ FEMMINILE UN’IMPRESA GIOVANILE SU TRE

DONNE CHE FANNO L’IMPRESA. NELLE MARCHE SONO OLTRE 39 MILA E UNA SU DIECI PARLA STRANIERO. E’ FEMMINILE UN’IMPRESA GIOVANILE SU TRE

Le proposte della Cna per il welfare e le pari opportunità: “Le imprenditrici sono penalizzate nell’accesso al credito. Inoltre nella successione aziendale si privilegiano i figli maschi” –

Otto marzo festa della donna. Ma la parità di genere per le donne che fanno impresa è ancora lontana. Le imprenditrici sono penalizzate nell’accesso al credito. Inoltre nella successione aziendale si privilegiano i figli maschi. Donne che fanno l’impresa. Nelle Marche sono più di 39 mila pari al 22,8 per cento delle 172 mila imprese totali. Turismo e servizi sono i settori dove è più consistente la presenza di imprese guidate da donne. Forte è la presenza di aziende femminili nelle attività professionali, scientifiche e tecniche , nei servizi di supporto alle imprese , nella sanità ed assistenza sociale, nell’istruzione, nelle attivtà artistiche, sportive e di intrattenimento.
Imprese, quelle guidate da donne, che sono due volte giovani. Giovani perché il 41 per cento delle imprenditrici marchigiane ha fondato l’azienda dopo il 2010 contro il 33 per cento degli imprenditori. E giovani perché le imprese femminili guidate da under 35 sono 4 mila, una su tre delle 13.946 imprese giovanili. Imprese femminili giovani concentrate soprattutto nel commercio e nel turismo con una forte presenza nell’alloggio e ristorazione.
Una su dieci parla straniero. Le imprese marchigiane guidate da donne immigrate sono 4.431 su un totale di 16.118. Quelle under 35 sono 735. Le impreditrici straniere attive nelle Marche provengono dopratutto da Cina, Romania e Marocco e si occupano prevalentemente di commercio servizi alla persona, alloggio e ristorazione, manifatturiero.
“Un contributo importante, quello fornito dalle donne che fanno impresa all’economia regionale,” afferma Emilia Esposito presidente Impresa Donna Cna Marche “malgrado la mancanza di politiche di sostegno mirate al welfare e alle pari opportunità. Noi chiediamo di rendere detraibili al 50 per cento le spese di cura e di aiuto alla famiglia e di riequilibrare la distribuzione dei fondi destinati alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, che attualmente vanno al 90 per cento alle lavoratrici dipendenti e per il 10 per cento alle lavoratrici autonome. Inoltre va incentivata la creazione di reti territoriali di di conciliazione vita e lavoro per servizi di welfare per la famiglia e per l’infanzia che prevedano la collaborazione tra pubblico e privato”.
Un altro ostacolo, per le titolari d’azienda, è quello dell’accesso al credito. La Cna ha affidato a Swg un sondaggio, dal quale emerge che nei rapporti con le banche, nel 50 per cento dei casi, le donne imprenditrici o aspiranti tali, sono trattate peggio degli uomini.
Pregiudizi, quelli verso le donne che fanno impresa, duri a morire. Alla morte del titolare di un’impresa di famiglia capita spesso che a succedere nella guida dell’azienda siano i figli maschi. Secondo il 39 per cento del campione di cittadini intervistato da Swg per conto della Cna “questo avviene perché i figli maschi sono indirizzati fin da piccoli, a prendere in mano il futuro dell’azienda” e per il 23 per cento “le donne sono ritenute meno imprenditrici rispetto agli uomini”.

Provincia Imprese femminili Imprese totali Tasso di femminilizzazione

ANCONA

10.779 45.909 23,5%
FERMO 4.872 20.803 23,4%
MACERATA 9.045 38.742 23,3%
ASCOLI PICENO       5.776 24.879 23,2%
PESARO E URBINO 8.652 39.861 21,7%
MARCHE  39.124 170.194 23,0%

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo articolo.























CNA Ascoli Piceno
Viale Indipendenza, 42
63100 Ascoli Piceno

Tel: +39.0736.42176
Fax: +39.0736.44709
ascoli@cnapicena.it

P.Iva 80001450446  |  Dir. Resp. Antonio Tempera


Powered by
SIXTEMA Spa