ECCO COME FUNZIONA LA “PACE FISCALE” VARATA DAL GOVERNO PER IL 2019. RIVOLGITI NEGLI UFFICI DELLA CNA PICENA PER IL CALCOLO DEL TUO ISEE

ECCO COME FUNZIONA LA “PACE FISCALE” VARATA DAL GOVERNO PER IL 2019. RIVOLGITI NEGLI UFFICI DELLA CNA PICENA PER IL CALCOLO DEL TUO ISEE

La “Pace Fiscale”, provvedimento del Governo riferito a contribuenti indebitati con il concessionario della riscossione ha già prodotto la cancellazione d’ufficio di tutte le cartelle sotto i mille euro notificate tra il 2000 ed il 2010. Oltre a questa, per i contribuenti, tra decreto fiscale e maxi emendamento alla manovra finanziaria, l’esecutivo ha varato la terza rottamazione delle cartelle ed il cosiddetto saldo e stralcio. Due misure differenti che hanno in comune scadenza delle domande e periodo di osservazione dei debiti sanabili.

COME SI OTTIENE LA ROTTAMAZIONE DELLE CARTELLE? Il saldo e stralcio è una novità assoluta perché probabilmente, per la prima volta un condono o una sanatoria distinguono i contribuenti in base al loro stato di necessità. La rottamazione invece è una misura arrivata alla terza edizione, dopo le due già funzionanti negli ultimi due anni. La nuova rottamazione dal punto di vista delle rate è più favorevole al contribuente rispetto alle due precedenti. Infatti uno dei problemi maggiori della rottamazione delle cartelle versione 2017 e 2018, problema che ha reso molto meno appetibile la misura agli occhi dei debitori fiscali è stato sicuramente il troppo breve arco temporale con cui i contribuenti erano chiamati a pagare le rate concesse.

ADESIONE PER IL 2019. Per coloro che aderiranno quest’anno, cioè chi non ha aderito alle precedenti rottamazioni o chi ha provveduto a pagare le rate delle precedenti scadute entro lo scorso 7 dicembre, si potrà pagare in 18 rate spalmate in 5 anni. L’importo dovuto, che dopo l’accettazione della domanda viene abbattuto di interessi di mora e sanzioni (per le multe, interessi di mora e maggiorazioni), potrà essere pagato in unica rata entro il 30 luglio 2018 o in 18 rate. Nel piano rateale le scadenze da pagare saranno due nel 2019 (luglio e novembre) e 4 all’anno fino al 2023, nei mesi di febbraio, maggio, luglio e novembre di ogni anno.

CONTRIBUENTI IN CONDIZIONI DISAGIATE. La rottamazione è aperta a tutti i contribuenti e per tutti i ruoli caricati tra il 2000 ed il 2017 ad esclusione di quelli derivanti da sentenze di condanna penali, da pronunce della Corte dei Conti e da richieste di restituzione di aiuti di Stato che a seguito di direttive europee non risultassero spettanti. Il saldo e stralcio invece, consente di sanare solo cartelle relative alle dichiarazioni annuali di Irpef ed IVA o ad omesso versamento dei contributi previdenziali.

TUTTO DETERMINATO DALL’ISE. Inoltre, il saldo e stralcio è appannaggio solo di quei contribuenti che hanno acclarate ed evidenti situazioni di disagio reddituale ed economico, cioè con un Isee sotto i 20mila euro. L’Isee di riferimento è quello del nucleo familiare che oltre a segnare il limite oltre il quale il saldo e stralcio non può essere utilizzato, divide i contribuenti in fasce. Con il saldo e stralcio oltre alla cancellazione di interessi di mora e sanzioni, si andrà a pagare solo una piccola percentuale del debito residuo vedendosi sistemare la situazione debitoria. Un meccanismo in parte clonato dal sistema finanziario che prevede rientro dei debiti a volte ridotto da accordo tra creditore e debitore. Soggetti che hanno un Isee da zero a 8500 euro dovranno rimborsare solo il 16% di quanto dovuto per tributi, Tasse e imposte evase più gli eventuali interessi di ritardata iscrizione a ruolo. Il 20% invece sarà dovuto da chi ha Isee superiore ad 8500 euro ed entro il limite di 12500 euro. Il 35% è l’aliquota applicata a chi invece ha una situazione patrimoniale e reddituale risultante dall’Isee da 12.500 a 20.000 euro. Una aliquota ancora più bassa, pari al 10% è applicata a soggetti che hanno aperto le procedure previste dalla normativa sul sovraindebitamento. Con il saldo e stralcio si pagherà in unica soluzione l’importo dovuto a novembre 2019 o in 5 rate di cui la prima a novembre e le altre a marzo 2020, luglio 2020, marzo 2021 e luglio 2021.

Il Caf della Cna Picena è attivo negli uffici territoriali Cna di Ascoli Piceno (viale Indipendenza 42, tel. 0736.42176) e San Benedetto del Tronto (via Nazario Sauro 162, tel. 0735.658948)

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo articolo.























CNA Ascoli Piceno
Viale Indipendenza, 42
63100 Ascoli Piceno

Tel: +39.0736.42176
Fax: +39.0736.44709
ascoli@cnapicena.it

P.Iva 80001450446  |  Dir. Resp. Antonio Tempera


Powered by
SIXTEMA Spa